martedì 7 febbraio 2012

Zuppa di Orzo, Porri, Patate e Porcini (Ri-Edition)

Ri-Edizione di una fantastica zuppa inventata da mia moglie per finire un paio di cose che erano in cucina tempo fa. Sopratutto i porcini che erano rimasti in freezer, e si sa, non durano nemmeno li per sempre. Rustica ma leggera, perchè senza soffritto, per rispettare la sua ricetta originale.

Posso dire che l'orzo me lo ha fatto "conoscere" lei, visto che I miei genitori non ne avevano e non ne hanno mai fatto uso (peccato) E anche Lei, lo conobbe in trentino, dalla Piok (di cui prima o poi vi parlerò, spero a Pasqua! non vedo l'ora di mangaire i suoi tortelli con gli asparagi) che faceva ottime zuppe di orzo utilizzando quello che di fresco c'era, anche i porcini che aveva raccolto la mattina. Così si fa, così dovrebbe essere dappertutto. Bisogna imparare a mangiare tutto e tutto è buono secondo come lo si cucina. Personalmente sto scoprendo molte cose che prima non avevo sperimentato mai, soprattutto verdure, e mi accorgo che sto intraprendendo una strada che magari non mi farà divenire Vegatariano o Vegan, ma se solo servisse a salvare, anche solo un maialino, sarò soddisfattissimo.


E' carina? bè se non lo è, è comunque buona buona, ve lo assicuro. Intanto vediamo come si prepara:

Cosa serve?
300g. di porcini freschi o congelati (se c'è dentro qualche badius meglio, altrimenti se ne avete qualcuno secco irrustichisce la zuppa e la colora rendendo protagonista il fungo)
1,5 L di acqua
2 porri medi
2 patate medie (o una patata e una rapa)
2 carote medie (ma se avete un pezzetto di zucca, sostituitelo ad una di queste)
una manciata di orzo perlato.
sale, pepe, olio buono, poco prezzemolo, rosmarino, aglio se piace.

Innanzi tutto prendiamo l'aglio, puliamolo, schiacciamolo dentro ad un piccolo contenitore con l'olio e teniamo da parte.

In una pentola versiamo l'acqua e cominciamo ad accendere il fuoco sotto. Intanto puliamo i porri, togliamo la parte verde troppo legnosa e teniamo il piu' possibile tagliandolo per la lunga e poi a tacchetti. Sciacquiamolo bene sotto l'acqua corrente e buttiamolo nella pentola.
peliamo  le patate, tagliamole a cubettini e dentro anche queste. così anche le caorte e infine i porcini.

Quando l'acqua sarà in ebollizione, aggiungiamo sale, quando, dipende dalla vostra sensibilità a riguardo, ma piuttosto state indietro e salate alla fine.
Mettiamo l'orzo a pioggia, mescoliamo e lasciamo andare la zuppa fino a che l'orzo non sarà cotto.

A questo punto, inseriamo il prezzemolo, una generosa grattata di pepe, e rimestiamo per bene fuori dal fuoco. quando la zuppa avrà smesso di fumare, possiamo inserire l'olio aromatizzato, a meno che vogliate metterlo direttamente nelle scodelle. Un ciuffo di rosmarino per commensale e via, siamo pronti.

Se vi piace, prendete una bella fetta di pane e strofinatela con l'aglio schiacciato; vi concedo anche di tostare il pane, via!

Volete sentire il profumo? avvicinatevi...


Che ne dite? vi ispira? e non ne avete assaggiato ancora nemmeno un cucchiaio! forza! prendetelo qua sotto.. Non ve ne pentirete, ve lo assicuro. Eppoi con questo freddo, una bella zuppina ci vuole, non siete d'accordo? 

Vi saluto chiedendovi di pensare in questi giorni nei quali abbiamo tutti un po' di problemi per il freddo, agli uccellini che non trovano cibo e acqua. Dategli qualcosa, della frutta, dai semi, possibilmente non pane, Su internet trovate in tanti posti informazioni su cosa mangino, anche l'acqua, pare stupido, è difficile da trovare per loro. Alla prossima, ciao!

Dimenticavo!!!

Con questa ricetta, partecipo al contest "cucinando con il cuore"
Non vedo ricetta migliore per partecipare al contest, perchè amo dividere la cucina con mia moglie e purtroppo non accade spesso. Troppe cose da fare e alla fine dobbiamo dividerci i compiti. Questa ricetta appunto, è un punto di contatto caldo e buono che nutre sia i nostri corpi che il nostro amore. Più cucinato con il cuore di questa, per me non c'è niente, per ora, ma spero che in futuro ci siano altri piatti da condividere.









9 commenti:

  1. Sembra buonissima!
    Con questo freddo è ideale.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Buonissima questa zuppa !! Bravo ! Ciao !

    RispondiElimina
  3. E' una bomba goduriosa, complimenti alla moglie.
    Mandi

    RispondiElimina
  4. Buona e anche carina, complimenti!

    RispondiElimina
  5. @Manu, lo è, lo è, pensa che oggi l'ho mangiata a mezzogiorno, e di solito le mangio la sera. Cosa eccezionale per un freddo atrettanto eccezionale.

    @Veronia, Grazie e ciao anche a te!

    @Rosetta, porterò a mia moglie i complimenti, ne sarà felice. Spesso le cose migliori vengono fuori con il poco che si ha a disposizione.

    @Barbara, grazie anche a te. che bello il tuo avatar! ciao!

    e Grazie a tutti come al solito (inchino profondo)

    RispondiElimina
  6. Ma ma Zuppaaaaa...mi devi scusare!!! non lo sapevo del blog!(sono imperdonabile!)!!! Comunque la tua zypppa (anzi, quella di tua moglie) non potrebbe essere meglio, soprattutto in questo periodo di attesa neve! :)
    A presto
    Caris

    RispondiElimina
  7. :-) non mi piace fare pubblicita' troppo esplicita, se no a che serve? Si, si, e' una buona zuppa come una buona moglie. La Neve e' bella quando si sta a casa al caldo a guardarla dalla finestra. Specie se sei in Trentino o in Valle d'Aosta o giu di li, dove la neve la sanno trattare. Qui dove sto io ci sono tanti spazzaneve, ma stanno tutti davanti casa del sindaco mi sa...

    RispondiElimina
  8. Ad averla avuta in questi giorni di intenso spalamento... 1 m!!!! Spero che per quest'anno sia finita! Un abbraccio e buonissima serata

    RispondiElimina